Attualità

Rado Captain Cook, un subacqueo dal valore universale

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Nuovi colori e nuove proporzioni. Torna la storica collezione, più che mai adatta a tutti. Interpretata da un’inedita campagna che ne sottolinea la versatilità

Rado non è un marchio che di solito si associa al mondo dei diver, eppure la collezione Captain Cook può essere considerata come una delle meglio riuscite e apprezzate dagli appassionati di immersioni. Introdotta per la prima volta nel 1962, all’epoca era composta da esemplari impermeabili fino a 10 atmosfere, con la cassa in acciaio inox da 35 millimetri di diametro e la lunetta inclinata verso l’interno.

Quest’ultima particolarità, piuttosto gradita ai collezionisti, è sempre rimasta come segno identificativo della collezione. E si ritrova anche nei modelli più attuali: quello di oggi, con la cassa che raggiunge i 42 mm, e prima ancora quello del 2017, di 37 mm. Entrambi impermeabili fino a 20 atmosfere.

La versione più recente, in arrivo questo mese nei negozi, è equipaggiata da un calibro a carica automatica (ETA C03) con 80 ore di autonomia. Che riporta sul quadrante, oltre al datario dalla cifra rossa, il simbolo dell’ancora mobile – il cui moto funge anche da indicatore di marcia ed è caratteristico di tutti gli automatici Rado -, sempre su fondo rosso.

Il colore è in effetti un altro elemento caratterizzante del nuovo Captain Cook: blu, tabacco o verde, è una scelta cromatica univoca per il quadrante soleil e la lunetta girevole unidirezionale con inserto in ceramica high-tech. Del resto questo materiale viene impiegato da Rado fin dal 1986. E l’impegno nella ricerca e nell’innovazione in campo materico che da sempre caratterizza il marchio è sottolineato anche dal claim “Master of Materials”.

Sportivo e informale, il Captain Cook è così versatile da poter essere indossato sia dagli uomini che dalle donne. Lo conferma anche l’esclusiva campagna riportata in queste immagini, ideata dalla trend-forecast Lidewij Edelkoort, che da tempo ormai collabora con Rado. Un galleria di persone di ogni età, sesso, etnia che non solo condividono lo stesso orologio, ma mostrano un’affinità di gusti e di gesti. Legate tra loro da un feeling quasi tangibile, interpretano un messaggio di comunione culturale, di solidarietà, quasi di fratellanza universale.

Forse l’ispirazione proviene proprio dal nome della collezione, Captain Cook. Celebre navigatore ed esploratore britannico, il capitano James Cook, vissuto nel XVIII secolo, fu il primo a cartografare l’isola di Terranova e a circumnavigare la Nuova Zelanda. Ma soprattutto a mettere in contatto le popolazioni delle coste dell’Australia con quelle delle Hawaii.

Condividi l'articolo