Eventi

35 candeline per Swatch. E un Art Special di Ugo Nespolo

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Il marchio più colorato dell’orologeria svizzera compie 35 anni. E li festeggia con un modello “artistico”, in edizione limitata, firmato dal Maestro del colore

Swatch lo ha svelato alla Cité du Temps di Ginevra, proprio ieri: il 1° marzo, giorno del suo 35° compleanno. E lo ha fatto alla sua maniera: con serissima irriverenza. Perché, per il lancio ufficiale dell’ultima referenza d’autore in serie limitata, il brand ha convocato – oltre all’artista in questione, il Maestro Ugo Nespolo, e al direttore creativo Carlo Giordanetti – anche il professor Alberto Conte, matematico e accademico, e Stefano Buono, fisico con trascorsi al CERN. Ordine del giorno: i numeri. A partire proprio dal 35.

Numeri attorno ai quali Ugo Nespolo ha realizzato con tecniche diverse le 35 opere commissionate proprio da Swatch, ed esposte, fino al 1° maggio 2018, nella stessa Cité du Temps in una singolare a coloratissima “personale” dell’artista piemontese. Numeri che, naturalmente, campeggiano anche sul quadrante e sul cinturino di Swatch Ugo: lo Swatch Art Special realizzato in 3.535 esemplari (in vendita sull’e-commerce del brand), nonché referenza da collezione chiamata a perpetuare una fortunata tradizione che dura ormai ininterrottamente dal 1985.

Ovvero due soli anni dopo la nascita di Swatch: un orologio in perfetto stile Pop, colorato e soprattutto democratico nel prezzo, subito attratto per una questione di affinità dai protagonisti del mondo dell’arte, ma anche da tutti coloro che avessero un messaggio personale, creativo, vivace, forte da esprimere. Motivo per il quale, nel corso degli anni, a cimentarsi con quella piccola tela di pochi centimetri quadrati non sono stati solo artisti del calibro di Kiki Picasso, Sam Francis, Keith Haring, Arnoldo Pomodoro, Mimmo Palladino, Mimmo Rotella. Ma anche personaggi che rispondono al nome di Vivienne Westwood, David LaChapelle e, più recentemente, Jovanotti, Mika, Eva & Adele.

Sono poco più di un centinaio gli Swatch Art Special realizzati in 33 anni esatti, molti (soprattutto i primi, prodotti in serie millesimate e vendute in anni in cui qualsiasi Swatch, non solo i modelli d’artista, era oggetto di una caccia spietata), ricercati dai collezionisti di mezzo mondo. Perché tutti rigorosamente in tiratura limitata. Estremizzazione di un orologio da subito autentico fenomeno cult, venduto in oltre 400 milioni di pezzi ma, soprattutto, stupefacente per la sua prolificità. Che solo i numeri, giusto per restare in tema, possono far comprendere a pieno: 8.372 referenze lanciate in 12.783 giorni, ovvero in 35 anni. Calcolatrice alla mano, circa una ogni giorno e mezzo…

Condividi l'articolo