Approfondimenti

Baume & Mercier Clifton Baumatic: anatomia di un calibro

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Innovazioni tecniche, efficienza, prezzo contenuto. Ecco cosa rende così speciale il nuovo Clifton Baumatic. Equipaggiato dal primo movimento Baume & Mercier

Baume & Mercier è nota per l’approccio “democratico” all’orologeria. Cioè si è sempre distinta per la politica di prezzi accessibili, per il buon rapporto qualità/prezzo degli orologi in catalogo. Per questo si pensava fosse estranea alle logiche più ambiziose dei movimenti di manifattura, prestigiosi ma di costo eccessivo. Tanto più che finora ha sempre montato calibri di grandi fornitori, dapprima Eta, poi Soprod (ma anche Ronda e La Joux-Perrer), proprio per calmierare i prezzi al pubblico. Negli ultimi tempi però le cose sembrano andare diversamente: anche Baume & Mercier ha un proprio calibro, il Baumatic. Efficiente e ricco di innovazioni, ma dal prezzo contenuto, è la dimostrazione di quanto bene facciano le sinergie di gruppo.

Se ne aveva avuto sentore già lo scorso anno, con l’uscita del Clifton 1830 Manuale, un esemplare in serie limitata equipaggiato da un calibro “maison” con caratteristiche molto, molto interessanti. Una vera bomba, che non poteva esplodere senza conseguenze – facili da immaginare, anche da parte dei meno esperti. E difatti eccole, le conseguenze: il Clifton Baumatic, non un singolo orologio ma un’intera collezione, presentata in anteprima al SIHH di Ginevra e distribuita nei negozi a settembre.

In entrambi i casi, c’è lo stesso calibro, o quasi (più esattamente, uno è lo sviluppo dell’altro), messo a punto dai tecnici di Baume & Mercier in collaborazione con il dipartimento Ricerca & Innovazione di Richemont Group e con la Manufacture Horlogère ValFleurier (che fa parte di Richemont Group proprio come Baume & Mercier, e produce movimenti e componenti per tutte le marche del gruppo). Il contributo di queste diverse realtà, ognuna con la propria sfera di competenze, ha permesso di mettere a fuoco le soluzioni tecniche migliori, ottimizzare la produzione e limitare i costi, per ottenere un movimento realizzato “dalla casa” (anche se non costruito “in casa”). Definito “di manifattura” da Baume & Mercier perché ideato dai propri progettisti e fabbricato in esclusiva con proprie specifiche.

Condividi l'articolo