Approfondimenti

Breguet: un po’ di storia (recente) e perché è così raro

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

L’analisi del Breguet Classique Tourbillon Extra-Plat Automatique 5367. E, come premessa, gli ultimi 30 anni della casa raccontati da chi c’era, insieme a qualche considerazione sul mercato

(molto silicio e gabbia del tourbillon realizzata in titanio) e la tecnologia del quadrante. Una tecnologia antica, quella dello smalto Grand Feu, resa moderna dalla necessità di regolare con precisione elettronica il raffreddamento dello smalto a causa di quel foro che rende quasi incontrollabili le linee di tensione di una superficie che viene cotta più volte alla temperatura di oltre 800°C.

Certo, c’è il rovescio della medaglia: la cronica penuria di orologi. In un mercato compatto, ma comunque in grado di assorbire più Breguet (e Blancpain) di quanti non se ne producano, questo vuol dire lasciar il passo a marche un po’ più aggressive anche a livello di marketing. E però fateci caso: sul mercato dell’usato l’offerta di orologi Breguet è davvero minima, segno che chi ne ha uno se lo tiene ben stretto. Per non parlare poi del cosiddetto “mercato parallelo”. Cos’è? In estrema sintesi, i produttori vendono gli orologi ai negozianti che cercano a loro volta di rivenderli ai “clienti finali”. Ma se un modello non tira o se l’offerta supera la richiesta il negoziante, per liberare le risorse economiche da destinare a nuovi acquisti, deve vendere a persone o organizzazioni che si comportano in un certo senso da outlet. Il che rischia di corrompere il mercato facendo nascere mille diffidenze nei compratori. Perché la maggior parte di questi operatori è formata da persone che agiscono, soprattutto sul web, con serietà. Ma c’è una pericolosissima minoranza che vende orologi usati sui quali non si capisce chi offre uno straccio di garanzia; orologi falsi o “taroccati” in modi talvolta anche raffinati; e persino orologi rubati chissà dove e chissà a chi.

In questi casi il rischio non è solo della necessità di spendere altri soldi per una corretta riparazione. No: il rischio è quello del sequestro e della denuncia per incauto acquisto o addirittura ricettazione, dal momento che ormai da parecchi anni le marche di maggior pregio hanno l’elenco degli esemplari rubati e al momento di un intervento tecnico la provenienza di ogni orologio viene sempre verificata. Anche di questo argomento parleremo ancora, ma sta di fatto che ci sono sostanzialmente due soli metodi per comprare sul web con sicurezza: dal sito del produttore (alcuni stanno anche per lanciare il commercio di orologi usati, ma con garanzia ufficiale) o su quello di un concessionario ufficiale. Il primo ha da perdere la buona reputazione faticosamente conquistata, il secondo rischia di perdere reputazione e concessione. Per il resto, è come pescare una caramella in un contenitore che ne contiene un migliaio, tutte buone e una al cianuro: chi se la sente di correre il rischio?

E poi, ovviamente, c’è il prezzo. Un Breguet costa caro, carissimo. Per chi (come me) non può permettersene uno c’è comunque la possibilità di ammirarne uno (come faccio io) presso un concessionario. Meglio se con l’ausilio di una lente d’ingrandimento di quelle potenti. Nel caso del Classique Ultrapiatto Tourbillon Automatico con quadrante in smalto consiglio ovviamente di osservare bene la gabbia del tourbillon realizzata in titanio e la ruota di scappamento in silicio; la qualità incredibile del quadrante anche e soprattutto in corrispondenza dell’apertura per la gabbia del tourbillon; il fissaggio “misterioso” del ponte del tourbillon; la minuscola firma segreta anti-contraffazione incisa sul quadrante (operazione delicatissima: una forza eccessiva rischia di rendere inutilizzabile uno dei pochi quadranti perfetti ottenuti nelle difficili fasi di lavorazione precedenti); la finitura del movimento, della massa oscillante anulare nonché quella della carrure, la parte mediana della cassa, ornata con una lavorazione “cannelé” decisamente difficile da lucidare. E tante altre sorprese perché un Breguet è tanta roba, tanta sostanza, tanta arte. Oggi come ieri Breguet è un mondo a parte per persone che, indipendentemente dalle possibilità economiche, appartengono ad un club in cui predominano i valori alti.

Condividi l'articolo