Autore: Augusto Veroni

Il 5370P: Patek Philippe e le acrobazie dello sdoppiante blu

Io lo chiamo sdoppiante, perché la lancetta dei secondi si divide in due, a comando. I francesi lo chiamano à rattrapante, perché dopo un altro comando le due lancette si riuniscono (rattraper, in francese). I tedeschi lo chiamano doppel chronograph perché di fatto è un cronografo doppio. Sempre e comunque […]

“Watch Update”: conclusioni

È arrivato il momento di chiudere questo primo Watch Update. Abbiamo realizzato per la prima volta un vero e proprio “supplemento tematico” ad un sito web. Alla resa dei conti Watch Update si è rivelato un lavoro molto impegnativo, ma anche ricco di soddisfazioni. Sia per la risposta da parte […]

Davide Traxler, la dieta di Parmigiani Fleurier e l’ottimismo verso il futuro

Dal 2018 Davide Traxler guida la Parmigiani Fleurier. Una fabbrica che ha segnato la rinascita di una cittadina (Fleurier, appunto, nella Val-de-Travers) che, non ostante grandi trascorsi, era stata un po’ abbandonata dall’orologeria. Ma lì s’insedia Michel Parmigiani (origini orgogliosamente italiane: lo trovi spesso in Italia, con la famiglia), che […]

Marco Mantovani: Locman, dall’Elba si può

Ho conosciuto Marco Mantovani negli anni in cui lavorava a Milano. Aveva lasciato l’Isola d’Elba perché Milano era la città giusta per inseguire il successo. Poi Marco attraversa vicissitudini personali e decide di tornare all’Elba, dove fonda Locman. Capirete bene che l’idea sembra un po’ fuori di zucca. Non solo […]

Il Calibro 3235, la tecnologia del Rolex Yacht-Master

Il Rolex Yacht-Master 42, dicevamo, monta il Calibro 3235, successore del 3135 (entrambi di manifattura). Nel passato Rolex è sempre andata con i piedi di piombo, nel cambiare nome ai propri calibri. Per tradizione, ogni calibro è modificato e perfezionato nel (lungo) arco della sua vita. Nel frattempo si studia […]

Mario Peserico (Assorologi): considerazioni sul mercato

Apriamo un discorso molto serio: quello degli “acquisti voluttuari”. Gli orologi, in particolare, ma non solo. L’acquisto del “bello”.Lo apriamo (e lo continueremo) con Mario Peserico nella sua funzione di Presidente di Assorologi, l’associazione di categoria “che rappresenta i produttori e gli importatori di orologi e di forniture per orologeria”. […]

Fabienne Lupo, la donna che indossa il potere come un abito di Alta Moda

Conosco – e apprezzo molto, moltissimo – Fabienne Lupo da una ventina d’anni. Da quando è entrata nella Fondation de la Haute Horlogerie per dirigere il SIHH, la manifestazione fieristica ginevrina nata come secessione dalla fiera di Basilea. Ma proprio Fabienne Lupo trasforma il SIHH nel proprio contrario: una manifestazione […]

H. Moser & Cie: l’arte della sottrazione. Anche luminosa

Se qualcuno mi costringesse a dare una definizione degli orologi prodotti da H. Moser & Cie parlerei di “arte concettuale”, ma con un certo ritegno. Potrei anche scomodare il minimalismo Bauhaus, ma trovo vi siano altri riferimenti più congeniali. L’arte della sottrazione tipica di Eric Clapton, ad esempio. Quella sì […]

Ritratto di Carlo Giordanetti

Carlo Giordanetti: Swatch, dal passato al futuro remoto

È stato intenzionale. Non volevo intervistare Carlo Giordanetti su Swatch, ma parlare con lui di quel che di Swatch abbiamo capito in quasi trentacinque anni di vita e di lavoro. Chiunque possegga una vera cultura del settore lo considera l’orologio che ha salvato la Svizzera delle lancette dal completo fallimento. […]

De Ville Tourbillon, Omega reinventa il tourbillon centrale

Dice, riferendosi al De Ville Tourbillon Master Chronometer: ma che si è messa in testa, Omega? Di essere una marca d’alta orologeria? Dico: all’occorrenza sì. Fa parte della sua storia. Basti pensare che nel 1885 sforna il primo movimento industriale, prodotto in serie. Ma pochi anni dopo (1892: Omega si […]

Patrick Pruniaux fra empatia, competenza e reputazione

Perché non bisogna mai dimenticare che sono le persone, a far gli orologi. E i dirigenti, ovviamente. Però non sempre, nei grandi gruppi finanziari, si scelgono dirigenti con un lungo curriculum nel settore: spesso si preferiscono i “commerciali” e allora la faccenda si fa complessa. Ma da qualche tempo la […]

L’orologeria svizzera va male, molto male. Ma forse è un bene

L’unico a parlar chiaro, finora, è stato Ricardo Guadalupe,  Ceo di Hublot. Ha dichiarato al quotidiano ginevrino Le Temps che secondo lui ci vorranno tre anni prima di tornare ai livelli di vendite del 2019. Che pure non erano esaltanti per via della situazione ad Hong Kong. Ma anche lui […]

Calatrava Ref. 6007A-001. Patek Philippe celebra la nuova manifattura

Avviso ai collezionisti. Mettete in agenda questo orologio: Patek Philippe Calatrava Ref. 6007A-001. Come al solito con Patek Philippe si è costretti a segnare la cosiddetta “referenza”, ossia il numero commercialmente assegnato a qualunque prodotto. Si perde il fascino del nome, ma resta quello della collezione. Per quale ragione bisognerebbe […]

“Watch Update”: cosa diavolo è?

Si chiama Watch Update ed è, come dice il nome, un aggiornamento della situazione dell’orologeria e quindi degli orologi. Prima l’orologeria. Perché è l’orologeria che fa gli orologi e non il contrario. Watch Update è un aggiornamento che durerà almeno un mese, un mese e mezzo, perché mai come oggi […]

Corum Lab 02, la rivoluzione trasparente

Molto, ma proprio molto interessante, questo Corum Lab 02. Interessante non solo per il suo approccio originale all’orologeria, ma anche perché apre una strada nuova, ricca di possibili sviluppi tecnici.Per chi avesse qualche dubbio sulla originalità anche tecnica del marchio, val la pena di ricordare che Corum già nel 1980 […]

MB&F e H. Moser & Cie: il diavolo e l’acqua santa

L’espressione del titolo sta ad indicare l’impossibile coesistenza degli opposti: l’acqua benedetta viene usata per scacciare il diavolo, che ovviamente la odia. Ma l’orologeria riesce a superare persino queste abissali distanze. Come nel caso della collaborazione fra MB&F e H. Moser & Cie. Maximilian Busser nel ruolo del diavolo: lui […]

L.U.C XPS Spirit of Nature e la lealtà Chopard

Lo ripeto: a me più che gli orologi piace l’orologeria. Non sono un collezionista di orologi e forse nemmeno un appassionato, e questo certe volte mi aiuta a valutare gli orologi più di testa che di pancia. Nei confronti dell’orologeria ho però un’ammirazione talvolta quasi devota. Le persone che fanno […]

Il Calendario perpetuo fra appunti storici e note tecniche

“Anno bisesto, anno funesto”. Ho l’impressione che questo 2020 più che bisesto sia trisesto, visto quel che accade. A proposito: in realtà originariamente bisestile non era l’anno, ma il giorno – quello prima delle calende di marzo – che veniva conteggiato due volte per riprendere il passo con l’effettivo movimento […]

Jaquet Droz Grande Seconde Skelet-One, o l’uso di buoni neuroni

Dire Jaquet Droz e dire orologi con automi vuol dire navigare in acque piatte; simmetricamente increspate solo dall’eccezionalità di automi – figure meccaniche che si muovono a comando – tanto eccezionali quanto riservati a pochissimi, ricchissimi collezionisti. Dire Jaquet Droz e l’eleganza del Grande Seconde identifica ancor meglio lo spirito […]

Nautilo Black Sunray, il nuovo sub di Anonimo in formato ridotto

Chemin des Tourelles, alla periferia di Le Locle, è un indirizzo speciale, per l’orologeria. Innanzitutto perché Le Locle è una delle capitali dell’industria del tempo svizzera (vi dicono niente, nomi come Zenith, Ulysse Nardin, e TAG Heuer, tanto per citare i primi che mi vengono in mente?). E poi perché […]

Boutique Breguet, appuntamento personale

È semplice: vai sul sito Breguet e fai click con il mouse su punti vendita. Dopodiché prenoti un appuntamento. Puoi partire dall’elenco delle boutique nel mondo o direttamente dall’opzione prenota un appuntamento. A questo punto puoi – appunto – prenotare un incontro esclusivo. Che vuol dire avere la boutique Breguet […]

Lo strano caso del Connected fra Dr. Jekyll e Mr. Hyde

E chi se lo aspettava? Dopo l’articolo sul Tag Heuer Connected abbiamo avuto molte reazioni contrastanti, ma tutte – per così dire – estreme.Si oscilla dal “non vi leggerò mai più perché ne avete parlato” (ci dispiace, ma un giornalista non deve mai fare più di tanto il censore) al […]

Baselworld, ma non dovevamo non vederci più?

Georges Feydeau (1862/1921) è stato un commediografo francese famosissimo per le sue opere comiche, ricchissime di colpi di scena apparentemente impossibili, eppure al tempo stesso di una logica che in molti hanno definito matematica. Bene: con una nuova puntata della saga “A volte ritornano” i dirigenti di Baselworld annunciano di […]

Mario Peserico: le fiere, le vendite online e la qualità dell’informazione

Una conversazione libera, al limite consentito delle “funzioni ufficiali”. Che sono tante perché Mario Peserico è contemporaneamente Amministratore delegato di Eberhard Italia e Direttore generale della casa madre svizzera Eberhard & Co.; è Presidente di Indicam, l’associazione che riunisce oltre 140 imprese per la tutela della proprietà intellettuale e per […]

Legacy Machine FlyingT, il tourbillon volant di MB&F

Lo rivendico con autentico orgoglio: ho inventato io la definizione Mazinga Style, che inizialmente è stata vissuta con concreta diffidenza. L’ho inventata per definire gli orologi di Maximilian Busser, che però non fa orologi benché sia laureato in ingegneria micromeccanica. Max Busser e le sue Horological Machines – qui parleremo […]

Il calibro CH 29-535 PS di Patek Philippe. Il cronografo tradizionale definitivo

Siamo nel 2009, nel novembre 2009. A Parigi riapre, dopo un completo riallestimento, la boutique Patek Philippe di place Vendôme. Per l’occasione viene presentato un cronografo d’impianto tradizionale (meccanico a carica manuale) con un movimento totalmente progettato e costruito “in casa”: il calibro CH 29-535 PS. Precedentemente si usavano sbozzi […]

Dietro le quinte: …E alla fine arrivò l’inizio

Io lo avevo scritto. “ROLEX, PATEK PHILIPPE, CHANEL, CHOPARD E TUDOR LASCIANO BASELWORLD Creazione di un nuovo Salone dell’Orologeria a Ginevra in collaborazione con la Fondation de la Haute Horlogerie. Ginevra, 14 aprile 2020 – Rolex, Patek Philippe, Chanel, Chopard e Tudor lasciano Baselworld per creare un nuovo salone di orologeria […]

Villeret Calendario Completo, l’understatement di Blancpain

Il nome ufficiale è Blancpain Villeret Calendario Completo. Ma potremmo chiamarlo “il camaleonte dell’understatement” e vi spiego perché.Blancpain perché è un Blancpain. Una marca nata nel 1735 a Villeret, minuscolo villaggio ai confini con la Francia. La data è quella in cui Jehan-Jacques Blancpain si definisce orologiaio nei registri del Comune. […]

Dietro le quinte. S’i’ fosse Rolex…*

Immaginate di essere Rolex. È facile, se provate*.Immaginate di essere la marca d’orologi più proverbiale del mondo, Rolex, quella che nelle valutazioni di reputazione complessiva straccia qualunque altra marca di qualunque prodotto. Immaginate di essere il punto di riferimento, amata e odiata (ma più la prima). Immaginate, appunto di essere […]

[Re]master01, il passato futuro di Audemars Piguet

Con il [Re]master01 Audemars Piguet reinterpreta un proprio, raro cronografo datato 1943. Con un’estetica appena ritoccata (nelle proporzioni e in poco altro), ma con una nuova tecnologia. Un’opera di “rimasterizzazione” che lascia intendere prossimi sviluppi. Io parlerei di rivalità, più che di concorrenza. Bernini mal sopportava il carattere austero di […]

Il Classique 7337 di Breguet e la sua famiglia

Capitolo primo – L’eredità Breguet Promettendo di occuparmi un giorno della vera storia di Breguet – al netto dell’agiografia compiacente –, comincio con un assaggio d’attualità. Che si può sintetizzare così: ogni orologio Breguet attuale è frutto di un procedimento che spinge molte persone, dal progettista a chi fa il […]

Il TAG Heuer Autavia, cronache di un successo annunciato

L’ho conosciuto lo scorso anno a Basilea, il TAG Heuer Autavia. E mi è piaciuto subito. Uno di quei “belli ma non troppo” che ti ispirano fiducia, come quel Patrick Dempsey che ne è testimonial (ma questa è un’altra storia). Il mio moto di simpatia immediata si è scoperto esser […]

Calatrava, la prima impressione non è quella che conta

Ogni tanto anch’io mi diverto a scherzare. In questo caso ho preso un Patek Philippe bello come il sole (Calatrava 5227G-010 con cassa in oro bianco) e ho chiesto alla nostra (anche) grafica, Paola, di eliminare tutte le scritte dal quadrante. Dopodiché ho postato la foto su Instagram chiedendo: “Quanto […]

Dietro le quinte: il contadino e il presidente

Prima abbiamo avuto la crisi politica di Hong Kong, che ha influito molto negativamente sul mercato della zona definita Greater China – da sola assorbe circa metà della produzione svizzera di orologi. Il Coronavirus ha poi assestato un ulteriore colpo di cui davvero l’orologeria non aveva alcun bisogno. Fra gli […]

Gérald Charles, le forme del Maestro e qualche ricordo

Charles Gérald Genta. Il più grande disegnatore d’orologi che la Svizzera abbia conosciuto negli ultimi cinquant’anni. E sì che di fantastici disegnatori ce ne sono stati e ce ne sono tanti. Uno meglio dell’altro, ma lui… Lui vive ancora nelle sue opere, alcune delle quali ancor oggi vengono riprese, elaborate […]

Il nuovo Portugieser Chronograph di IWC con calibro di manifattura

Arriva nei negozi il nuovo cronografo IWC Portoghese, anzi (come lo chiamano ora) Portugieser Chronograph. Il che vuol dire che è possibile andare ad esaminarlo nei negozi. Esteticamente non cambia nulla: cassa e quadrante sono pressoché identici alle precedenti versioni. Quel che cambia davvero è il movimento, il Calibro IWC 69355, […]

Il Lab 01 di Corum e la storia della tecnologia: l’acciaio Damasco

A partire dall’acciaio, è interessante notare come la storia dell’orologio si muova di pari passo con la (troppo poco considerata) storia della tecnologia. A ben vedere gli orologi e le complesse macchine per misurare il tempo sono la massima espressione tecnologica dell’umanità da almeno 2.500 anni. Roba che spacca, direte […]

L’avventurina e la Trilogia 1966 Orion di Girard-Perregaux

Scriveva a proposito dell’avventurina il vetraio seicentesco Giovanni Darduin: “La si dimanda Venturina, et con ragione, perché sortisse più da ventura che da scienza”. Per “complicazione” in orologeria si intende qualunque dispositivo aggiunga funzioni ad un movimento meccanico “di base”. In teoria sono complicazioni anche il datario, i piccoli secondi […]

Patek Philippe Settimanale

Il Patek Philippe Settimanale, prime considerazioni

Dall’acciaio della cassa alla grafica del quadrante. Cominciamo così, con qualche riflessione teorica ed estetica, l’analisi della nuova Referenza 5212A di Patek Philippe: un calendario completo con l’indicazione delle settimane. Che in questo caso sono 53 (e non 52)…

Timex S1, il progetto intelligente di Giorgio Galli

Il nuovo esemplare del marchio americano rivela quanto siano importanti la professionalità e il lavoro del designer. Capace non solo di studiare forme originali, ma anche di trovare soluzioni tecniche funzionali. Al di là della fascia di prezzo

Tudor, la lunga strada per il futuro. Parte terza

“Si completa il tutto con una personalità giovane e vivace…”. La collezione di subacquei Tudor Black Bay 2019, rivolta (soprattutto) alle nuove generazioni, urla a gran voce maturità e indipendenza. E conclude il nostro focus sulla marca

Richard Mille: quando il gioco si fa duro…

… i duri cominciano a giocare. Anche con la liquirizia: l’RM 16-01 Réglisse ha un aspetto ludico, per il tema goloso e i colori vivaci. Ma in realtà nasconde contenuti tecnici elevatissimi. Come tutta la collezione Bonbon

I viaggi spaziali dell’Omega Speedmaster

I test, gli ostacoli, l’affidabilità (vincente). Come e perché il cronografo di Omega è stato scelto per equipaggiare gli astronauti. I “dietro le quinte” raccontati da un protagonista dei programmi Nasa

La precisione è ben altro. Parte II

Computer, automazione e robot hanno migliorato (parecchio) i movimenti meccanici. Compresa la loro costanza di marcia. Eppure non siamo ancora soddisfatti. La nostra idea di precisione ci crea troppe aspettative?

Breguet Tradition 7077, un laboratorio tecnico senza pari

Sfatiamo un mito: i cronografi non brillano certo per precisione. Ma i tecnici di Breguet, qualche anno fa, hanno risposto al problema con il movimento “sdoppiato” del Tradition Chronographe Indépendant 7077. Un concentrato di soluzioni tecniche rimaste insuperate