Attualità

Ulysse Nardin alla Route du Rhum con Romain Pilliard

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Ulysse Nardin è in rotta per le Antille francesi. In regata alla Route du Rhume, a bordo dell’enorme trimarano Remade – Use It Again, che sostiene l’economia circolare. E al polso dello skipper Romain Pilliard ha messo il nuovo Diver Chronometer

Ulysse Nardin è di nuovo per mare: e stavolta fa rotta verso i Caraibi, a fianco di Romain Pilliard e di Sébastien Destremau. Con loro partecipa infatti alla Route du Rhum – Destination Guadeloupe, una regata transatlantica tosta come poche: 3.542 miglia in solitaria, senza scalo e senza assistenza. Organizzata ogni quattro anni per unire idealmente la Francia metropolitana ai territori d’Oltremare, è considerata una sorta di “prova generale” per l’ancor più dura Vendée Globe. Ed è diventata famosa per la presenza dei più grandi e veloci multiscafi del mondo – anche se è aperta a diverse classi veliche.

L’edizione 2018, che festeggia il 40° anniversario, è partita ieri alle 14 da Saint-Malo, in Bretagna, in una giornata di sole e con vento a 20 nodi, alla volta di Pointe-à-Pitre, in Guadalupa appunto. E vede coinvolti 123 skipper, ovviamente a maggioranza francese. Proprio come Romain Pilliard, nuovo ambasciatore di Ulysse Nardin, che ha raggiunto il connazionale Sébastien Destremau all’interno della “flotta” della maison di Le Locle. E che trasforma la navigazione della Route du Rhum in un’opportunità per promuovere l’economia circolare (in soldoni, quell’idea di riciclo di beni e prodotti teso a sviluppare un sistema di consumo non solo privo di sprechi ma che si auto-sostiene).

A cominciare dal suo Remade – Use It Again: un trimarano di 75 piedi, appartenuto alla campionessa Ellen McArthur, che è stato completamente ristrutturato con materiali di recupero, e fa funzionare le strumentazioni di bordo con le energie rinnovabili (pannelli solari, turbine a vento e generatori idrici). L’unica eccezione è al polso di Pilliard: il Diver Chronometer – l’orologio di Ulysse Nardin che lo accompagnerà lungo tutta la Route du Rhum -, a carica automatica. Un esemplare subacqueo con cassa XL in titanio, impermeabile fino a 30 atm, e movimento di manifattura di ultima generazione. Il calibro UN 118 monta infatti uno scappamento (brevettato) in DIAMondSIL, una lega hi-tech a base di silicio e diamante sintetico, e un bilanciere a inerzia variabile prodotto in-house (anch’esso brevettato) e dotato di spirale in silicio. Come dire, nanotecnologie al servizio dell’ecologia.
Buon vento, Romain.

Condividi l'articolo