Approfondimenti

Sector 660: da buoni progetti nascono buoni orologi

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

A uno sguardo attento il Sector 660 si rivela un orologio di buona qualità in relazione al prezzo contenuto. Merito anche dei lavoro dei progettisti. Ben riuscito

Ho scelto di parlare di questo Sector 660 anche per fare un discorso generale e quindi la prendo da lontano. La settimana scorsa mi è arrivata l’automobile che avevo ordinato qualche mese fa. L’ho ricevuta dopo un periodo di intenso lavoro, per cui avevo altro in mente e quasi non ne ricordavo più le caratteristiche. Del resto è una vettura, per così dire, appartenente al segmento medio basso del mercato, di quelle che qualcuno potrebbe dire un po’ sfigata. Mi sono messo alla guida, l’ho esaminata bene e poi sono passato a valutarla anche nei dettagli, da rompiscatole, come fosse un orologio.

Al di là delle considerazioni personali, quel che emerge in modo oggettivo è – tanto per cominciare – quanto sia migliore della vettura un po’ meno sfigata, ufficialmente, che avevo precedentemente. In tre anni una vettura di prezzo inferiore ha acquisito caratteristiche migliori di una vettura superiore. Amo immaginare che lo stesso passaggio verso l’alto lo abbiano fatto anche le vetture di classe leggermente superiore e così via. La seconda cosa che mi ha colpito è la qualità del progetto, nel senso che quest’auto è ricca di dettagli che all’atto pratico non costano un centesimo in più, ma sono fonte di soddisfazioni potenti.

La stessa cosa accade con gli orologi. Se osservo attentamente questo Sector 660 noto subito che la qualità di un orologio da meno di 150 euro ha fatto un salto impressionante rispetto a qualche anno fa. Un miglioramento che percepisci innanzitutto sfiorando l’orologio con i polpastrelli: le superfici non avranno la costante precisione di un orologio enormemente più costoso, ma in tempi non poi tanto lontani una qualità simile la trovavi solo in orologi intorno ai mille euro.

Il merito va anche ai progettisti, che sono partiti da un disegno accurato: le anse, ad esempio, non terminano con spigoli o tagli netti, ma sono progettate per essere arrotondate già in fase di realizzazione della cassa grezza. Questo vuol dire che al momento della finitura c’è meno lavoro da

Condividi l'articolo