Eventi

Breitling Brand Day, il marchio si racconta

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Si è tenuto alle Officine del Volo di Milano il Breitling Brand Day. Un meeting ben riuscito: tra progetti, amici e avventure, il marchio ha svelato il proprio mondo. In evoluzione

Il Breitling Brand Day ormai è una tradizione. Può cambiare nome e formula, ma rimane un appuntamento fisso per i rivenditori, gli amici della marca e i giornalisti di settore. Che quest’anno si sono ritrovati alle Officine del Volo, un esempio di archeologia industriale della grande Milano d’antan. Uno spazio di grande suggestione: all’inizio del Novecento era la sede delle Officine Aeronautiche Caproni, un’azienda pionieristica in Italia per la fabbricazione di aerei, militari e civili.

I muri in mattoni rossi dell’ex hangar, che un tempo videro la costruzione di biplani e triplani, sono stati quindi la perfetta cornice per illustrare novità e progetti di un marchio storicamente legato all’aviazione. Anche se, come ha spiegato il Ceo Georges Kern, il mondo di Breitling oggi non prende in considerazione solo l’elemento aria, ma anche l’acqua e la terra. Lo si vede nella comunicazione, basata sull’idea di team impegnati in ambiti diversi (#squadonamission). Ma lo hanno confermato anche gli ospiti chiamati ad animare il Breitling Brand Day con i racconti delle loro esperienze.

Certo, c’era – come sempre – l’equipaggio delle Frecce Tricolori, reale incarnazione di un concetto chiave nella nuova filosofia del brand: l’energia di gruppo finalizzata a un obiettivo comune. Ma è intervenuto anche l’artista digital Giuseppe La Spada, autore di un progetto realizzato con un’altra “friend of the brand”: Federica Brignone. Si intitola “Traiettorie liquide” ed è una campagna (con immagini incredibili) sul problema della plastica nel mare: di nuovo, un tema su cui Breitling è sensibile. E poi c’erano Tony Cairoli, campione mondiale di motocross, e gli esploratori Inge Solheim e Danilo Callegari – che hanno parlato di sfide, di record e di ambiente.

A dare il benvenuto alla platea “la padrona di casa” Patrizia Aste, Ceo di Breitling Italia. Ma vanno almeno citati il giornalista Andrea Berton nel ruolo di presentatore, che introdotto le tante testimonianze. E l’intervento video di Vincenzo Nibali: oltretutto il campione delle due ruote è stato compagno di avventure degli stessi Kern e Berton, lo scorso autunno in Sudafrica, nella massacrante gara ciclistica Coronation Double Century – servita per raccogliere fondi a favore dell’organizzazione benefica Qhubeka.

Senza dimenticare i tanti volti noti presenti al cocktail dînatoire che ha concluso la giornata: da Ale & Franz a Walter Nudo, da Pietro Vierchowod a Cristian Zaccardo. E ancora da Daniele Massaro a Giacomo Maiolini, da Matteo Rivolta fino ad Andrea & Michele di Radio DeeJay. E gli orologi? Beh, in effetti i veri protagonisti del Breitling Brand Day sono stati proprio gli esemplari della nuova collezione 2019. Presentati in anteprima, oggetto di sessioni “feel & touch”, verranno prossimamente distribuiti nei negozi, ma intanto si possono già vedere online. Noi ne riparleremo presto.

Condividi l'articolo