Attualità

Festa della mamma: il tempo in dono

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Dedicarle del tempo, concederselo. L’orologio è un regalo simbolico da fare alla mamma (o a sé stesse, in quanto madri). Di tendenza o dal gusto classico, ecco qualche idea accessibile a tutti

La Festa della mamma è probabilmente una delle ricorrenze che mette più d’accordo il mondo. Nonostante le piccole differenze sul mese in cui celebrarla (tre/quarti degli Stati la festeggia a maggio e il restante quarto a marzo), quasi ovunque le si dedica almeno un giorno all’anno. La sua origine in realtà è legata alla figura di Ann Reeves Jarvis che, in piena Guerra civile americana, iniziò a organizzare club di sole donne per aiutare i più bisognosi e contrastare la mortalità infantile.

Il senso più profondo della festa si rifà quindi allo spirito di collaborazione e dedizione delle donne e delle mamme, che all’epoca decisero di dedicare del tempo agli altri. Come spesso accade però, con gli anni la giornata ha perso la vocazione iniziale per tramutarsi in una celebrazione più commerciale. Comunque sia, rimane in questa data l’occasione per le mamme di ridiventare padrone del proprio tempo.

Perché ok, si è madri. Ma si è anche compagne, zie, sorelle, e nello stesso tempo dirigenti d’azienda, casalinghe, insegnanti o sportive… Sono mille le personalità e i ruoli di ogni donna. E trovare il tempo giusto per ciascuno di questi è fondamentale. Ecco perché essere “a tempo”, e “alleate del tempo”, sembra essere uno dei regali più belli cui ogni donna può aspirare per sé stessa. Donarsi tempo quindi è essenziale: come diceva Antoine de Saint-Exupéry, “è proprio il tempo dedicato alla propria rosa a renderla speciale”.

Di questo desiderio si sono accorte anche alcune case orologiere, maestre in fatto di tempo. Che hanno voluto dedicare alla festa della mamma delle collezioni ad hoc per celebrarla e aiutarla a celebrarsi. Per esempio Caribe di Philip Watch, una maison in cui scorre per metà sangue partenopeo, per sua stessa natura più sensibile al culto materno. La storica collezione, dall’impronta decisamente chic e dal gusto intramontabile, sceglie per l’occasione tre modelli “solo tempo”, con cassa in acciaio e quadranti dai colori tenui e dal nome esotico – sunray rose, brown e ivory. Dal classicissimo bracciale a cinque file in acciaio.

Linee essenziali, ispirazione rétro e nuance pastello sono invece le note dell’inedita collezione Le Couronnement di Cluse. Il marchio olandese ha scelto di celebrare la festa della mamma con sei modelli dal quadrante bianco, silver o rosé, impreziosito da gocce metalliche agli indici. La cassa, anche color oro rosa o giallo, ha la lunetta increspata da micro-rilievi di forma esagonale (simbolo del brand). Completano il look cinturini coordinati in pelle, ton-sur-ton.

Diverse le collezioni di questi marchi, come diverse sono le loro vocazioni. Fa sorridere però che, in entrambi i casi, l’unica funzione supplementare sia proprio il datario (per Cluse è il primo modello ad averlo). Tocca infatti pensare al francese, in cui essere “à date” significa essere proprio “al passo coi tempi”: insomma, per rimanere in tema… touché!

Condividi l'articolo