Eventi

A Pitti Immagine Uomo ritorna il Tremila di Locman

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

La presenza di Locman a Pitti Uomo 94 risponde a una scelta ben precisa: ribadire le proprie origini toscane. Il legame con il territorio è sempre stato infatti un carattere distintivo del marchio elbano che, vale la pena ricordarlo, ha gli uffici e i laboratori affacciati sul porto di Marina di Campo (una vera anomalia per l’industria delle lancette, immersa di solito fra mucche al pascolo e distese di neve…). Ma molto deve aver contato anche la possibilità di raggiungere un pubblico più vasto, extra-settore, com’è quello che frequenta la maggiore kermesse italiana di moda maschile.

Sta di fatto che Locman ha fatto propri i temi di questa 94esima edizione di Pitti Immagine (a Firenze, fino al 15 giugno), e ne ha interpretato le “note di stile”: dal P.O.P. – Pitti Optical Power (quel mix di colori e geometrie tipico dei saloni estivi della manifestazione) all’I GO OUT (capi e accessori per la vita all’aria aperta, risultato di design e ricerca).

In quest’ottica, ha quindi rifatto il look allo storico Tremila: un orologio tonneau, nato nel 2006 e dedicato proprio agli sport estremi e all’outdoor. Che ora ritorna dopo un totale re-styling sia tecnico che estetico: la cassa bombata è stata ristudiata nelle proporzioni e realizzata in acciaio satinato con dettagli lucidi, o colorata da un trattamento Pvd, blu o nero. I movimenti sviluppati in tre versioni: due solo tempo, l’uno meccanico a carica automatica, rielaborato dal SIO (la Scuola Italiana di Orologeria che fa capo al marchio), l’altro al quarzo, più un cronografo, sempre al quarzo. E il cinturino in silicone declinato in technicolor: blu, verde fluo, giallo, rosso, arancione, oltre a un più sobrio grigio per l’automatico.
A dir la verità, il Tremila di nuova concezione aveva già fatto la sua comparsa con la livrea Ducati, sempre qui a Pitti, lo scorso gennaio: quando Locman aveva annunciato la partnership con la casa di Borgo Panigale e lanciato la mini-collezione in edizione limitata. E proprio con Ducati, la sera dell’inaugurazione, ha organizzato un cocktail nella boutique monomarca in città, sotto l’antica loggia dei Cenci, al 76 della centralissima via de’ Tornabuoni. Dove, per la gioia dei Ducatisti, è stata esposta anche la nuova Panigale V4.

Condividi l'articolo