Attualità

Teslar Watches: nanotecnologie al servizio del benessere

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Timex Group Luxury Division ha siglato un accordo di licenza per produrre e distribuire Teslar Watches. Orologi forniti di un’esclusiva tecnologia, inventata per “schermare” il corpo umano dall’inquinamento elettromagnetico

Un nuovo marchio entra a far parte della galassia Timex: Teslar Watches. L’accordo di licenza, qui presentato in anteprima, verrà annunciato nei prossimi giorni. Ed è stato siglato da Paolo Marai e da Enrico Margaritelli. Ovvero, da un lato il Presidente e CEO di Timex Group Luxury Division, “costola”  elvetica del colosso americano che ha già in portafoglio gli orologi di Versace, Versus Versace e Salvatore Ferragamo. E dall’altro il CEO di Teslar LLC, un’altra azienda a stelle e strisce. Italiano di stanza in Florida, Margaritelli è una vecchia conoscenza nel mondo delle lancette: ex Fossil Group, ex Binda, poi Fashion Icons, Glam Rock, ContaTempo Scuderia… Approda infine a questa collaborazione con la ricercatrice Ilonka Harezi, che ha fondato la società ELF Cocoon (la sigla sta per Extremely Low Frequencies, frequenze estremamente basse, inferiori ai 30 Hz) e ha creato la tecnologia Teslar ELF.

Come si intuisce subito, il nome rende omaggio a Nikola Tesla (1856/1943): lo scienziato di origini serbe, ma naturalizzato negli States, promotore della corrente alternata. Mente geniale e visionaria, è una figura controversa: denigrato dalla scienza ufficiale dell’epoca, dimenticato, quindi rivalutato in tempi più recenti e perfino mitizzato da una certa cultura New Age. Comunque sia, i suoi studi pionieristici nel campo dell’elettromagnetismo sono alla base di questa tecnologia, inventata nel 1986. Ovvero il chip Teslar: un piccolo ma potente dispositivo elettronico che promette di migliorare la vita di chi lo utilizza.

In pratica si tratta di un microprocessore in grado – secondo alcune ricerche – di proteggere il corpo umano dagli effetti nefasti dell’elettrosmog. Cioè l’inquinamento elettromagnetico provocato da computer, tablet, cellulari, antenne wi-fi e da tutti quegli apparecchi elettronici che ci circondano nella vita quotidiana. Causa di problemi di vario genere: dallo stress psico-fisico ai disturbi del sonno, fino agli eccessi di tensione nei rapporti con gli altri.

Come funziona? In soldoni, il chip Teslar lavora con i componenti standard degli orologi al quarzo, bobina e batteria, ed emette un segnale che ha una frequenza di 7/9 Hz (che rimanda a quella naturale della Terra), capace di rafforzare il campo magnetico individuale. Le fonti dell’azienda ELF Cocoon a questo proposito citano le onde scalari e il sistema dei meridiani (i canali energetici della medicina tradizionale cinese: per intenderci, quelli dell’agopuntura)… quindi, meglio fermarsi qui. Però chi lo ha provato, giura sui suoi effetti benefici: e racconta che basta indossarlo regolarmente per qualche tempo per sentire un diffuso benessere Ī(almeno mentale), maggiore capacità di concentrazione, un’aumentata calma interiore, più energia e umore positivo. Quanto conti l’autosuggestione o l’effetto placebo, e quanto invece sia realmente efficace, per ora non si sa. Il discorso è interessante: sicuramente va approfondito, ma è opportuno aspettare che gli orologi Teslar arrivino sul mercato (probabilmente l’anno prossimo). Ne riparleremo.

Condividi l'articolo