Eventi

de Grisogono festeggia 25 anni di creatività

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

A Milano, una piccola retrospettiva ripercorre la storia di de Grisogono. Che si snoda fra scenografici gioielli e orologi sorprendenti, in un racconto visivo fatto di volumi bold, vividi colori e insolite complicazioni. In vetrina da Pisa Orologeria, fino al 25 novembre

“25 years of daring creativity”: ovvero, la storia di de Grisogono in mostra. Due decenni e mezzo segnati da uno stile personale, che ha rivoluzionato la gioielleria contemporanea. In sintesi: volumi a tutto tondo, forme organiche, dettagli mobili, pietre favolose, inattesi cromatismi… il tutto condito con un pizzico di ironia e realizzato da maestri orafi rigorosamente a mano.

Oggi, il gusto esuberante di de Grisogono è al centro di questa piccola retrospettiva, appunto, che riassume i temi principali del suo percorso creativo in poco più di una ventina di esemplari. Come i diamanti neri, ormai onnipresenti in tutti i segmenti di mercato, ma un tempo poco diffusi perché rari e difficili da tagliare. Il gioielliere ginevrino è stato il primo a utilizzarli, e ha li trasformati in una delle proprie cifre stilistiche, tuttora in catalogo – come rivela per esempio la parure Ventaglio. Oppure il “red carpet”: spettacolari pezzi unici, indossati da dive e divine nelle serate più esclusive. O ancora gli orologi: da un lato (al femminile) veri e propri gioielli che indicano anche l’ora, dall’altro (al maschile) meccaniche giocose, spesso taglia XL, anche arricchite di insolite complicazioni.

Tutto questo e altro ancora si può vedere a Milano da Pisa Orologeria, nel flagship store di via Verri 7, esposto nelle vetrine del Salotto de Grisogono fino al 25 novembre. Basta salire al secondo piano, all’interno del Salone dei gioielli: uno spazio di oltre 100 metri quadri, inaugurato da poche settimane e dedicato ai grandi nomi dell’haute joaillerie internazionale. Dove, accanto alle maison storiche più famose, tipo Boucheron, Chaumet e Chopard, si trovano anche marchi emergenti e più giovani, come Tamara Comolli o Messika. E la collezione Pisa Diamanti, il nuovo brand di gioielleria ideato e prodotto “in casa”.

Condividi l'articolo