Eventi

A Watches & Wonders Miami, lo spettacolo dell’alta orologeria

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Watches & Wonders Miami: trenta marchi sotto i riflettori per tre giorni, fra esposizioni, workshop e dibattiti. Così la Fondation de la Haute Horlogerie esporta nel Miami Design District la cultura orologiera

Inizia oggi Watches & Wonders Miami, la nuova esposizione di alta orologeria dedicata agli appassionati d’Oltreoceano. Giunta alla seconda edizione, è organizzata dalla Fondation de la Haute Horlogerie (la stessa che gestisce il SIHH) in partnership con il Miami Design District. Aperta fino a domenica 17, la kermesse animerà per tre giorni il quartiere più figo di Miami per lo shopping di lusso – sede di gallerie d’arte, negozi monomarca e locali alla moda.

Un’occasione unica, negli States, per conoscere da vicino l’alto di gamma dell’orologeria elvetica. A Watches & Wonders Miami quest’anno partecipano infatti una trentina di marche (9 in più rispetto al 2018): oltre alle 16 grandi case che hanno qui una propria boutique aperta tutto l’anno, sono presenti anche altri 14 marchi, famosi o di nicchia, riuniti in una grande tensostruttura appositamente allestita in Jungle Plaza per ospitare i loro pop-up store. Impossibile citarli tutti: l’elenco sarebbe troppo lungo (comunque li trovate qui).

Nelle vetrine si potranno vedere perlopiù le novità esposte all’ultimo SIHH e alla Geneva Watch Week di gennaio. Ma non solo: qualche brand lancerà anche esemplari inediti, realizzati ad hoc. E poi il programma prevede una ricca serie di attività culturali in senso lato: conferenze, sessioni di laboratorio, tavole rotonde. Studiate per gli addetti ai lavori (rivenditori e giornalisti), per i collezionisti, ma anche per il pubblico di semplici curiosi (ci sono perfino workshop per bambini).

Si tratta quindi di vera e propria full immersion nel mondo dell’alta orologeria. Con immancabile contorno di intrattenimenti vari (dai dj set con cocktail all’aperto, al concerto della Miami Symphony Orchestra in Palm Court). Oltretutto Watches & Wonders Miami si tiene in contemporanea con altri due eventi di grande richiamo. Il Miami Design District Concours, il concorso di auto d’epoca e di super-car che quest’anno rende omaggio a Horacio Pagani. E il Miami Yacht Show, il salone della nautica, che vede Ulysse Nardin come cronometrista ufficiale. Tant’è che si attende un’affluenza maggiore rispetto ai 20mila visitatori dello scorso anno.

Insomma, un bel modo per trascorrere il Presidents Day Weekend. Buon per voi se se siete già lì in zona (solo al pensiero rosichiamo un po’): troverete sicuramente qualcosa di interessante da fare. A noi che rimaniamo in queste latitudini, Watches & Wonders Miami fa comunque riflettere. Perché si tratta di una di quelle manifestazioni fieristiche locali (come spiegava bene Augusto Veroni) che potrebbero segnare l’evoluzione del settore e dell’intero mercato globale.

Condividi l'articolo