Attualità

Consigli di stile: gli orologi da cerimonia

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

Gli orologi avvistati sul tappeto rosso alla 91ª edizione degli Academy Awards fanno da pretesto per parlare degli esemplari da cerimonia. Che devono rispondere a determinate regole. E avere uno stile ben preciso

qualcosa di simile. Cercate quindi un modello per quanto possibile sottile, diciamo non oltre i 10 mm. Se fosse superiore, potrebbe risultare ingombrante sotto la camicia (evitate assolutamente di indossarlo sopra il polsino: non siete Gianni Agnelli…).

2. Metallo bianco. In passato era l’unico ammesso: che si trattasse di acciaio, oro bianco o platino era questione di disponibilità economica, ciò che contava era l’effetto estetico, quanto più neutro tanto più chic. Oggi però si tende a fare qualche concessione all’oro nelle tonalità più calde (rosa, rosso e perfino giallo), soprattutto in abbinamento con uno smoking blu o bordeaux. Vietati invece i trattamenti di superficie di qualsiasi cromia: la cassa “in tinta” catturerebbe troppo l’attenzione.

3. Colore del quadrante. Anche in questo caso, un tempo si privilegiavano i toni chiari, tipo bianco o argenté. Ora si accettano anche quelli più scuri (purché sobri), come il blu o il nero. Ma solo se coordinati al colore del cinturino e, in generale, all’abito nel suo insieme. Da evitare, per esempio, un quadrante cioccolato sotto la giacca nera o – peggio ancora – blu.

4. Cinturino e non bracciale. Perché è più classico e convenzionale. Deve essere rigorosamente in pelle, e con cuciture in monocromia o al limite tono-su-tono. Meglio se in pellami pregiati (coccodrillo, alligatore o altri rettili), a patto che non siano eccentrici. Escluso a priori qualsiasi bracciale in metallo: troppo sportivo e informale. Oltretutto il contatto con i gemelli (quasi un obbligo in certe situazioni) potrebbe provocare sonori tintinnii, poco piacevoli e ancor meno eleganti.

5. Solo tempo meccanico. Proprio perché deve essere discreto, è opportuno non abbia alcun tipo di complicazione. Anche se di recente sembrano accettate le fasi di luna, forse perché considerate in qualche modo “a tema”, per i puristi della tradizione perfino la data sarebbe troppo (che esagerino?). Sempre riguardo alla tecnica: i preferiti sono i calibri a carica manuale – forse perché denotano una maggiore cultura orologiera, forse perché sono tendenzialmente più sottili. Tuttavia vanno benissimo anche gli automatici, che ormai sono i più diffusi. Di certo si tratta sempre e solo di movimenti meccanici: il quarzo non è neppure contemplato.

Un’ultima considerazione. Non lasciamoci influenzare dagli esemplari visti agli Oscar: attori e registi indossano pezzi ai vertici dell’alta orologeria, quasi irraggiungibili per noi comuni mortali. Possiamo comunque trovare sul mercato una vasta scelta di orologi da cerimonia realizzati da buone marche a prezzi accessibili. Perché l’importante non è “quanto costa”, ma “come è fatto”. E poi, se proprio non potete ancora permettervi un nuovo acquisto, potete sempre rivolgervi a un negoziante fidato per un esemplare di secondo polso. O andare a cercare qualcosa nel cassetto del nonno: il vintage per una cerimonia è perfetto.

Condividi l'articolo