Attualità

Tonda PF Automatic 36mm, il Parmigiani Fleurier a misura di polso

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

“Understatement”, definizione perfetta per riassumere le intenzioni di Parmigiani Fleurier riguardo ai Tonda PF. Con questi luxury sport watch i designer della Casa, guidati dal Ceo Guido Terreni, ci ricordano che il vero lusso va vissuto e non ostentato. Il fascino discreto ma lussuoso si riscontra anche nei nuovi Tonda PF Automatic 36mm, che cela una ricerca quasi maniacale della perfezione del dettaglio, un approccio sartoriale “fatto su misura”.

Divine proporzioni

L’idea di optare per un diametro di 36 millimetri è in linea con le attuali richieste del mercato che, dopo anni di proposte oversize, è sempre più orientato verso orologi a “misura di polso”. Anche le proporzioni delle anse a forma di goccia sono state ridisegnate in modo da adattarsi in maniera più armonica perfino ai polsi più minuti. Tra l’altro lo spessore della cassa è davvero contenuto: solo 8,6 mm. Cosa che rende il Tonda PF Automatic 36mm estremamente confortevole da indossare.

In effetti ho avuto l’occasione di vederlo dal vivo, a Milano, di toccarlo e provarlo sul mio polso da 15 centimetri. E ne sono stata entusiasta. Stessi commenti positivi, peraltro, provenivano da parte dei colleghi presenti, per cui sono giunta a una sicura conclusione. Nonostante questa midsize sia rivolta principalmente al pubblico femminile, trovo il nuovo Tonda PF Automatic 36mm particolarmente versatile: cioè adatto ad abbracciare sia il polso delle donne sia quello degli uomini, tanto da definirlo gender-free.

Dettagli di stile

Il che è suffragato anche dalle proposte cromatiche. Il Tonda PF Automatic 36mm è declinato in tre referenze, con il quadrante in diversi colori: Silver Sand e Warm Grey per le versioni in acciaio con lunetta in platino e Deep Ruby per la variante in oro rosa. Tonalità particolari, per non dire insolite, eppure azzeccate, perché eleganti ma non scontate, in equilibrio fra il sobrio e l’originale. Sicuramente di gran classe, soprattutto quel rubino scuro/vinaccia che sembra dare maggior enfasi al raffinato motivo guilloché grain d’orge‘ tipico di tutta la collezione.

Tra le scelte più ricercate (e meglio riuscite) individuate per questo modello dai designer Parmigiani, comunque, si trovano i diamanti taglio baguette agli indici. Posizionati con un’incastonatura invisibile, di dimensioni ridotte ma molto luminosi, sono collocati ai margini dell’ampio quadrante e risultano ben proporzionati con il perimetro della minuteria. A onor di cronaca, devo aggiungere che si trovano in due esemplari su tre, in quanto la versione in acciaio Silver Sand riporta più tradizionali indici in oro bianco rodiato, sfaccettati e applicati a mano.

Per il resto, le tre nuove referenze del Tonda PF Automatic 36mm ripropongono i codici stilistici dell’omonima collezione di Parmigiani Fleurier. Mi riferisco in particolare alla sottile lunetta zigrinata e allo splendido bracciale integrato, rastremato e con diverse finiture sulle maglie.

Meccanica raffinata

A proposito di finiture, un’estrema cura si ritrova anche nel movimento, che si può ammirare attraverso il fondello in vetro zaffiro. Il Tonda PF Automatic 36mm è equipaggiato dal calibro di manifattura PF770, concepito e sviluppato appositamente per questo modello. A carica automatica, appunto, è interamente decorato e realizzato – come di consueto per il Marchio – secondo gli standard dell’alta orologeria: platina colimaçonné, ponti a Côtes de Genève, anglage di tutti i componenti, dettagli dorati e massa oscillante scheletrata in oro rosa 22 carati lucido-satinato, personalizzata dal logo.

Grande attenzione anche per le performance, come l’autonomia di 60 ore che sta diventando una caratteristica imprescindibile per gli esemplari alto di gamma, nel rispetto delle necessità di un pubblico sempre più preparato (in orologeria) ed esigente. Da sottolineare infine l’assenza del datario – che si riscontrava ad esempio in uno dei più celebri precedenti “solo tempo” della collezione, il Microrotor. Una scelta precisa, che risponde alla volontà di dotarlo delle funzioni essenziali e necessarie, coerentemente con l’estetica minimalista.

Conclusioni e prezzi del Tonda PF Automatic 36mm

Per fornire una panoramica completa delle informazioni, concludo quindi con i prezzi al pubblico: il Tonda Automatic PF 36mm costa 18.500 euro nella versione in acciaio Silver Sand, che salgono a 24.900 per quella in acciaio Warm Grey (con indici di diamanti) e raggiungono i 49.500 per quella in oro rosa Deep Ruby (sempre con diamanti). Niente da dire. I prezzi sono in linea con gli altri esemplari della collezione e con l’idea di esclusività insita nella Maison fondata da Michel Parmigiani, élitaria e di nicchia.

Per quanto mi riguarda, invece, ho apprezzato il perfetto equilibrio tra estetica e contenuti del Tonda PF Automatic 36mm. Quindi mi auguro che quest’orologio possa entrare a pieno titolo tra i must have degli appassionati della cosiddetta “bella orologeria meccanica”. Di cui è un esempio impeccabile.