Attualità

Il 2019 di IWC? Con la testa fra le nuvole

{"autoplay":"false","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","loop":"true","nav_slide_column":5}
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image
Slider Nav Image

La manifattura di Sciaffusa si appresta a dedicare l’anno che verrà ai suoi pilot’s watch. E ad imbarcarsi in un’impresa senza precedenti. Proprio come ai tempi pionieristici dell’aviazione

Quelli dedicati ai cosiddetti “pre-qualcosa”, in orologeria, sono eventi a loro modo singolari. Ed al cui riguardo si potrebbe scrivere un teorema. Perché? Perché ti danno l’opportunità di vedere in anticipo i modelli che terranno banco nell’anno a venire a patto di… non farne parola con nessuno. Riservatezza, segretezza, embargo. Disciplina. Ma allora a cosa servono? Servono per esempio ad annusare l’aria con anticipo. A prepararsi a quel che verrà, ad avere insomma il giusto tempo per metabolizzare, ragionare. Per giudicare poi con criterio.

Prendiamo ad esempio il caso IWC, il cui 2019 sarà interamente consacrato al volo (questo possiamo dirlo), come anticipato guarda caso durante il pre-SIHH d’ordinanza. E riconsideriamo – come non sarebbe possibile fare in condizione di stress e di sovraesposizione di novità da salone – quello che potrebbe altrimenti apparire come il solito ciclico rilancio di una collezione, in questo caso a tema aeronautico, sulla base di una serie di appunti. Solo apparentemente “disordinati” e slegati fra loro:

  1. Sin dagli Anni 30 del Novecento il brand di Sciaffusa ha sempre avuto un rapporto privilegiato con il mondo dell’aviazione.
  2. Nel 1938, su esplicita richiesta della Raf, entra in servizio il primo aeromobile da difesa Spitfire.
  3. Poi nel 2003 IWC introduce per la prima volta nella sua gamma di pilot’s watch proprio una linea battezzata Spitfire.
  4. L’anno dopo la marca si impegna in una partnership a lungo termine con Mercedes AMG.
  5. Sulla scia di Mercedes AMG, IWC arriva a Goodwood, scopre un mondo, e nel 2015 ne diviene Timing Partner del Members’ Meeting.
  6. All’interno della tenuta di Goodwood c’è sì un circuito, ma anche un piccolo aerodromo, cruciale durante la Seconda guerra mondiale.
  7. Presso l’aerodromo ha sede la Boultbee Flight Academy, guarda caso l’unica al mondo ancora in grado di insegnare a pilotare uno Spitfire.
  8. Steve Boultbee Brooks e Matt Jones, colonne dell’Academy, coltivano da tempo il sogno di restaurare uno “Spit” e intraprendere a bordo di esso un ambizioso giro del mondo.
  9. Appresa la notizia Iwc si impegna ad appoggiare il progetto di restauro salendo a bordo dell’impresa.
  10. Nel 2019, anno in cui la menzionata impresa avrà luogo, Iwc si appresta a rilanciare la propria linea Spitfire, insieme a tutta una rinnovata gamma di pilot’s watch.

Accadimenti dissimili tra loro, per tempi, luoghi e protagonisti. Eppure in qualche modo intrecciati in una sorta di trama non scritta che dà vita a una storia. Una storia da raccontare, anche attraverso

Condividi l'articolo